Semplice contrasto


Come avrete capito il mio lavoro ha come mezzo e fine la semplicità. Non per questo rifiuto elementi esteticamente più impegnativi anzi, trovo che sia necessario qualcosa di eccessivo, che possa conferire personalità agli ambienti rigorosamente uniformi. Io  propongo contrasti temporali e stilistici, pochi, isolati ma decisi, anche violenti: barocco in stanze moderne e high tech dove c’è l’antico.

Riferendomi in particolare agli apparecchi di illuminazione come elementi chiave di ogni casa sia per necessaria funzione sia per inevitabile impatto visivo, dai lampadari a sospensione, ad applique, plafoniere, lampade da terra ecc… trovo troppo scontata l’equazione ambiente moderno = lampadario moderno o viceversa. Io propongo l’esatto contrario! Azzardi come uno chandelier antico in una cucina minimal? O una vecchia lanterna in un bagno? O applique di modernissimo design di vetro in salotti classici? Lampade totalmente decontestualizzate e piazzate lì dove non c’entrerebbero nulla: io dico che così risaltano sia la lampada che l’arredamento creando un po’ di unicità all’insieme, invece negli ambienti impeccabilmente omogenei i singoli elementi, scelti minuziosamente e coerentemente, si disperdono.

Nel dubbio poi ci sono sempre i prudenti faretti….