COLORE: POCO MA BUONO


Buongiorno!! Oggi parlo di colore, poco, intenso e usato bene…

Se, come spesso accade nelle case moderne, avete un ambiente in cui predominano il bianco e il grigio e volete ravvivarlo senza sostituire o ritoccare mobili nuovi, il mio consiglio è molto semplice: trovate un colore molto forte tipo rosso o fuxia o blu elettrico o arancio ecc… uno solo: sarà il vostro colore! Di questo potete trovare piccoli complementi d’arredo, dettagli che messi insieme daranno un nuovo volto all’ambiente: parlo di elementi come cuscini, vasi, fiori, cornici, candele… anche gli oggetti più piccoli possono creare dei punti focali che cattureranno l’attenzione!

L’ideale sarebbe avere un richiamo del vostro colore anche in elementi più importanti come apparecchi di illuminazione e tende, ma attenzione! Lampade, lampadari, applique ecc… ormai vengono proposti in tantissimi colori e materiali, secondo me sono bellissimi e possono ravvivare intensamente un ambiente bianco&grigio, ma si deve andare oltre al gusto personale e bisogna sceglierli in base alle caratteristiche tecniche e allo stile, non solo per il colore (ma quello della scelta dei lampadari è un argomento che merita un approfondimento a parte…).

Invece per le tende il mio consiglio è quello di trovarle di colori neutri simili al resto dell’arredamento, ma con piccoli inserti, disegni o anche solo i bordi o i nastri ecc…. del vostro colore, sarà un richiamo in più restando sempre nella sobrietà.

In ultimo, ma non meno importante, le pareti!!! Se fino a ora avete scelto mobili dai colori così prudenti, probabilmente l’idea di pareti colorate non vi piacerebbe. Dunque aggiustatele solo con qualche elemento decorativo in cui predomini ovviamente il vostro colore: cornici, quandri, foto, orologi a muro e magari giusto qualche piccola decorazione murale. Pochi elementi, due o tre, e isolati. Singoli punti di colore che interrompano la monotonia del bianco&grigio.

Così, con un intervento minimo e decisamente low cost, vi ritroverete un ambiente intenso e totalmente rinnovato. Dunque, senza esagerare, COLORE SIA!!

Annunci

CARTA DA PARATI


A me piace principalmente l’arredamento essenziale, pochi mobili e linee semplici. Funziona, ma a volte lascia pareti vuote e io non amo le pareti vuote e neppure quelle bianche. Se poi sono vuote e bianche le detesto proprio. Posso accettarle solo appena dopo il trasloco, dopo di che bisogna liberare dagli scatoloni quadri, quadretti, foto, poster, ritagli di giornali, immagini di vecchi calendari, cartoline, broschure, depliant…tutto ciò che si potrebbe appendere. E poi attaccare con chiodi e martello, con logica e ordine o a casaccio, come viene viene. Vedrete che bello vedere le pareti che prendono vita sotto le vostre mani ed è ancora più bello vedere gli ospiti che in casa tua le osservano a bocca aperta come se fossero i muri di un museo, non è detto che gradiscano, ma di sicuro si guarderanno in giro affascinati. Chiaramente è un’operazione da ragionare, servono criteri di selezione e senso di equilibrio per saper distinguere gli ambienti dove riempire da cima a fondo le pareti e quelli dove basta arricchirne minime porzioni.

É un periodo, però, in cui sto rivalutando la carta da parati. Riesce a dare effetti veramente entusiasmanti, valorizza l’arredamento, caratterizza l’ambiente, dona ritmo scandendo il muro con forme e colori. Questo vuol dire, ad esempio, che basterebbe una bella carta da parati colorata, un paio di sedie, un tavolino e poco altro per arredare con originalità e completezza un ingresso. Ma la cosa più bella è che si potrebbe applicare ovunque, in ogni ambiente della casa, chiaramente alternando fantasie semplici e sobrie ad altre molto decise e dal forte impatto.

Poi è chiaro, dipende dalla casa e dalla personalità di chi vi abita…

Esagerata ed esageratamente bella!

Verticalmente colorata

Sobria e raffinata

Si adatta...

Piena di fascino