Semplice contrasto


Come avrete capito il mio lavoro ha come mezzo e fine la semplicità. Non per questo rifiuto elementi esteticamente più impegnativi anzi, trovo che sia necessario qualcosa di eccessivo, che possa conferire personalità agli ambienti rigorosamente uniformi. Io  propongo contrasti temporali e stilistici, pochi, isolati ma decisi, anche violenti: barocco in stanze moderne e high tech dove c’è l’antico.

Riferendomi in particolare agli apparecchi di illuminazione come elementi chiave di ogni casa sia per necessaria funzione sia per inevitabile impatto visivo, dai lampadari a sospensione, ad applique, plafoniere, lampade da terra ecc… trovo troppo scontata l’equazione ambiente moderno = lampadario moderno o viceversa. Io propongo l’esatto contrario! Azzardi come uno chandelier antico in una cucina minimal? O una vecchia lanterna in un bagno? O applique di modernissimo design di vetro in salotti classici? Lampade totalmente decontestualizzate e piazzate lì dove non c’entrerebbero nulla: io dico che così risaltano sia la lampada che l’arredamento creando un po’ di unicità all’insieme, invece negli ambienti impeccabilmente omogenei i singoli elementi, scelti minuziosamente e coerentemente, si disperdono.

Nel dubbio poi ci sono sempre i prudenti faretti….

Annunci

RIFLESSIONI SULL’ARCHITETTURA


Sul mondo dell’architettura ci sarebbero tante, troppe cose da dire e infiniti argomenti da affrontare e il rischio di affogare inopportunamente in nozioni troppo tecniche e accademiche è decisamente alto. La mia intenzione è infatti quella di disporre delle mie conoscenze per discutere di ciò che l’architettura rappresenta, del suo significato, della sua essenza e di ciò che essa può esprimere, non di “dare insegnamenti”; la finalità di questo tipo di trattazione è quella di coinvolgere un pubblico non necessariamente esperto e che possa intervenire esprimendo le proprie opinioni, che possa entusiasmarsi alla materia pur non avendo avuto una formazione universitaria o professionale.

Sento il bisogno e il dovere di citare, seppur brevemente, Vitruvio, architetto, teorico e primo trattatista della storia dell’architettura, uomo dal pensiero incredibilmente attuale e profondamente moderno, nonostante la sua attività risalga al I Sec. a. C. Attraverso lo studio dell’architettura Greca e Romana egli sostenne che “l’architettura è una scienza”. Non è un concetto così ovvio perché racchiude in sé molto altro: l’architettura non è una tecnica che si può apprendere sui manuali, non è solo “l’arte di edificare” e non riguarda solo teorie, progettazione e costruzione di edifici. L’architettura è dunque una scienza e pone fondamento in tante altre scienze, dalla geometria, alla matematica, alla medicina, all’anatomia, alla legge, all’astronomia, all’ottica e all’acustica.

Questo breve cenno mi ha fatto rispolverare la mia prima lezione all’università di storia dell’architettura: ricordo bene il fremito di quella mattina nell’ascoltare e prendere appunti rendendomi conto che stavo avendo il privilegio di immagazzinare nella mia testa tutte quelle cose dal significato eterno ed universale. Con il passare del tempo, più o meno dalla seconda metà del mio percorso universitario, probabilmente più consapevole di quanto avevo appreso e di quanto continuavo ad apprendere, ho maturato l’idea che un architetto deve necessariamente conoscere e saper applicare tutte le quelle scienze che Vitruvio aveva sostenuto essere parti integranti dell’architettura, ma deve possedere anche un’innata sensibilità che lo renda interprete dei bisogni, della cultura, della tradizione di un popolo e delle caratteristiche di un luogo, affinché tutto questo si rifletta nella sua l’opera.

Attenzione, ho parlato di sensibilità e non di aspetti soggettivi! Si tratta di una predisposizione mentale che fa sì che ad un architetto risulti naturale avere ciò che io chiamo “anteprime mentali”: ciò vuol dire “vedere” nella propria testa le soluzioni prima della loro realizzazione, attraverso immagini che paiono già così nitide e chiare da sembrare reali. Dunque si possono elaborare progetti, studiarli, correggerli e ricorreggerli, quasi conoscendo già con discreta sicurezza quale sia il risultato concreto.

Inizialmente ero convinta che si trattasse di normali elaborazioni mentali che chiunque può avere spontaneamente, invece ho capito che non è così, che non tutti riescono a “vedere prima” i risultati e che probabilmente è questo che fa la differenza tra una persona predisposta a fare buona architettura e una che non lo è.

Le “anteprime mentali” possono nascere sì senza grandi sforzi, ma mai dal nulla, non sono fasi istintive e non si raggiungono “a sensazione”: affinché si manifestino è necessaria prima di tutto l’analisi preliminare e meticolosa di ogni dettaglio, lo studio, le ricerche sui luoghi e sulle persone, perché solo così si può immagazzinare una serie di informazioni indispensabili per trovare la soluzione giusta.

Da un corretto e quanto più approfondito studio scaturisce facilmente un opera funzionale, oggettivamente bella, profondamente espressiva e in qualche modo unica.